panorama-alatri

Il soggiorno all’Atlantic Park Hotel di Fiuggi è l’occasione per immergersi in una emozionante avventura fatta di scoperte inaspettate e visite sorprendenti. Siamo infatti al centro di un territorio che è uno scrigno di bellezze e che offre innumerevoli opportunità.

Oggi vi proponiamo un’uscita alla scoperta di alcune tra le località più belle e ricche di fascino dell’alta ciociaria, a pochi minuti di auto dall’Atlantic Park Hotel, i borghi di Alatri, Fumone e Collepardo.  

Ad Alatri una maestosa cinta di mura in opera poligonale domina città degli Ernici, popolo italico appartenente al gruppo osco-sannitico.
Nell’ambito delle costruzioni megalitiche dell’area mediterranea, il complesso dell’acropoli, è tra le costruzioni più imponenti e suggestive. I monumentali massi compongono una cortina muraria compatta sulla quale si aprono due porte di accesso: Porta Maggiore, che presenta uno straordinario architrave monolitico e Porta Minore, fornita di un piano inclinato per salire alla platea superiore, dove i templi pagani furono distrutti per realizzare il Duomo e l’Episcopio. Nel Duomo è custodita la celebre reliquia dell’Ostia incarnata, miracolo del 1227. Notevoli sono i monumenti dell’età medievale. La chiesa di S. Maria Maggiore custodisce il gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli (XIII sec.) e il Trittico del Redentore.

Mura ciclopiche di Alatri

Del sec. XIII è pure il Palazzo Gottifredo, dove è alloggiato il museo civico con una sezione antropologica in cui sono esposti oggetti particolari, quali una culla in tondino di ferro collocata tra due alberi che veniva utilizzata dalle coppie di carbonai per preservare i neonati da eventuali animali, e numerosi altri oggetti di vita quotidiana. Il museo comprende, inoltre, l’importantissima sezione epigrafica; tra le altre iscrizioni famosissima quella che descrive le opere fatte eseguire dal censore Lucio Betilieno Varo nel periodo di Roma Repubblicana per rinnovare la città (nuove vie, portico che conduce all’Acropoli, piscina per il bagno, serbatoio dell’acqua, orologio solare). 

Passeggiare tra le strade del centro storico di Alatri costituisce un’emozione particolare grazie ai mille angoli e scorci che questo borgo riesce ad offrire, Piccole botteghe, ristoranti, osterie, si susseguono tra i vicoli che offrono alla vista numerosi palazzi nobiliari o borghesi di pregevole fattura.

La visita in notturna offre inoltre la possibilità di gustare un panorama mozzafiato sulla sottostante valle ed offre l’opportunità di gustare le proposte enogastronomiche di molti ristoranti.

Alatri ha fatto nascere in te la voglia di scoprire nuove emozioni?

A dieci minuti dal nostro Atlantic Park Hotel, costeggiando il Lago Di Canterno, oasi naturale di bellezza notevole, possiamo raggiungere il piccolo Borgo medievale di Fumone ricco di storia e di interessanti vicende.

Fumone, per la sua posizione e per la vicinanza al confine dell’antico Stato della Chiesa, dal quale si dominano le vallate del Cosa e del Sacco, fu posto dal papato a sentinella contro le incursioni saracene e normanne. Sembra che il suo nome derivi proprio dal fatto di essere stato centro di segnalazione di eventuali nemici in vista, mediante l’accensione di fuochi su una apposita torre: tesi che ha riscontro nel detto popolare “Si Fumo fumat..Tota Campania tremat…”.

Entrata del castello di Fumone

Entra nella storia in epoca medievale (sec. IX), ma la leggenda fa risalire le sue origini al re Tarquinio il Superbo che, dopo la cacciata da Roma, sembra che qui trovasse rifugio (sec. V a.C.). Nel corso dei secoli fu dominio papale e la sua fortezza fu anche utilizzata come prigione. Il suo detenuto più illustre fu papa Celestino V, il papa del “gran rifiuto”, rinchiuso nella rocca da Bonifacio VIII, dove trovò la morte nel 1296 in circostanze misteriose.

Alla fine del sec. XVII i marchesi Longhi, ai quali era pervenuta la rocca, la restaurarono e trasformarono, creando un magnifico complesso detto “Villa Longhi” con annesso il “giardino pensile”, vera meraviglia: nei suoi viali si alternano piante secolari, aiuole e reperti archeologici.

Il borgo medievale è davvero una piccola bomboniera e passeggiare tra i suoi vicoli costituisce l’occasione per immergersi in un tempo passato, si respira davvero un’atmosfera medievale.

A pochi chilometri da Fumone possiamo agevolmente raggiungere Collepardo, borgo antichissimo e piacevole da scoprire.

Collepardo, situata nel cuore dei Monti Ernici, è un grazioso borgo medievale: un fitto reticolo di viuzze e piazzette, che offre pittoreschi scorci di paesaggio. Il territorio carsico di Collepardo è luogo di singolari fenomeni geologici, che hanno lasciato tracce di eccezionale interesse naturalistico.

Tra questi le Grotte di Collepardo, dette anche “dei Bambocci” per via delle singolari figure formate da stalattiti e stalagmiti; ed il Pozzo d’Antullo (o Santullo), una rarissima dolina carsica profonda m. 50 e larga m. 140, sulla cui origine sono fiorite molte leggende popolari.

Grotte di Collepardo

Collepardo ospita sul suo territorio uno dei Monasteri più belli dell’Italia centrale: la Certosa di Trisulti, edificata nel 1204 per volere di Papa Innocenzo III. Dal 1947 essa non ospita più i Certosini ma i Cistercensi, che accolgono cordialmente i visitatori tra chiostri silenziosi ed antichi laboratori di farmacia ed erboristeria.

Interessante e attualissimo è il corso di erboristeria e botanica pratica, introduttivo al riconoscimento ed uso delle piante officinali, organizzato annualmente nel piccolo centro: non si lascia così cadere l’antica tradizione locale, che da secoli ricerca e trasforma le erbe officinali di cui è ricca la flora dei Monti Ernici. Sempre a valorizzazione e studio di questo tesoro naturale c’è anche da ammirare il Giardino botanico “Flora Ernica”.

Nel raggio di pochi chilometri dall’Atlantic Park Hotel avrete la possibilità di incontrare una testimonianza unica.

Comments are closed.